Ricerca
comunità e distretti

L’apostolo a Bellinzona per la ripresa dei servizi divini

14.06.2020

La comunità di Bellinzona è stata scelta dall’apostolo Camenzind per la domenica 14 giugno 2020.
 
/api/media/503913/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=5d40b317556b9385c00fe21e42b03697%3A1642343939%3A3705418&width=1500
/api/media/503914/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=38e2a96c2c9111d0ecaad770e311716b%3A1642343939%3A7041368&width=1500
/api/media/503915/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=aafa3671f1abfae224913b65490c5349%3A1642343939%3A2904761&width=1500
/api/media/503916/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=aad61e60c0837d2d99f107dc70c15c97%3A1642343939%3A1163195&width=1500
/api/media/503917/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=e06f0bf85700a9bb9d93655d5acd0c5c%3A1642343939%3A455393&width=1500
/api/media/503918/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=e42f0b3bbb8106296ece9aaf1e2b2a41%3A1642343939%3A7855297&width=1500
/api/media/503919/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=72f0ed3ceef35f9df521553a3ae486f0%3A1642343939%3A4534398&width=1500
 

È stata una domenica particolare, quella del 14 giugno, quella del rientro in chiesa dopo il periodo di chiusura dovuto al Covid-19 durato tre mesi. L’apostolo Rolf Camenzind ha deciso di visitare la comunità di Bellinzona come prima comunità, per essere vicino ai fratelli e alle sorelle, ma anche e soprattutto al nuovo conducente, incaricato per lettera durante il periodo di quarantena.

Il Padre non ha abbandonato la comunità in questo momento difficile, e le è sempre stato vicino, come confermava la presenza dei quattro conducenti della comunità di Bellinzona: tre a riposo (uno fresco fresco di riposo) e quello attuale. Il testo biblico alla base della predica era in 1 Corinzi 1, 9: “Fedele è Dio, dal quale siete stati chiamati alla comunione del Figlio suo Gesù Cristo, nostro signore.” E questa è una certezza per tutti: Dio è fedele, Dio non ci abbandona. L’apostolo ha potuto portare alcuni esempi a conferma di ciò, come ad esempio i servizi divini per le comunità spagnole, che sono stati trasmessi in lingua spagnola da Lugano (anche in Spagna, fino a poco tempo fa, non era possibile organizzare servizi divini).

L’atto culminante del servizio divino è chiaramente stata la Santa Cena, il momento di comunione tanto atteso e mancato per tre mesi. L’apostolo ha ricordato come la comunione di Gesù Cristo non è solo in chiesa, ma anche, e soprattutto, fuori. E alle volte, proprio come ci siamo abituati nella vita di tutti i giorni, forse il Padre ci chiede di prendere le distanze da alcune abitudini spirituali. Mi sono lavato le mani, cioè i miei pensieri? Ho messo la mia mascherina, ho cioè pensato a cosa dire, proteggendo me e gli altri? Come agiamo nella vita di tutti i giorni?

Alla fine del servizio divino, l’apostolo ha voluto ringraziare ancora una volta il sacerdote Urs Rinderknecht e sua moglie, per il lavoro svolto negli anni come conducente di comunità, e ha poi avuto modo di confortare una volta di più il sacerdote Walter Carbognani, neo-conducente della comunità, ricordando come tutti lavoriamo per Cristo e per la sua Opera. Il nuovo conducente ha quindi ricevuto la benedizione divina dall’apostolo, inginocchiandosi davanti all’altare.